Tipi di diabete e cause del loro sviluppo, decorso e manifestazioni, come trattare, possibili conseguenze

© Autore: Z. Nelli Vladimirovna, Doctor of Research Institute of Transfusiology and Medical Biotechnology, appositamente per VesselInfo.ru (sugli autori)

Il diabete mellito è uno dei più comuni, con la tendenza ad aumentare l'incidenza e rovinare le statistiche delle malattie. I sintomi del diabete mellito non compaiono nello stesso giorno, il processo si svolge cronicamente, con un aumento e un aggravamento dei disturbi del metabolismo endocrino. È vero, il debutto del diabete di tipo I è significativamente diverso dallo stadio iniziale del secondo.

Tra tutte le patologie endocrine, il diabete occupa con sicurezza il primo posto e rappresenta oltre il 60% di tutti i casi. Inoltre, statistiche deludenti indicano che 1/10 dei "diabetici" sono bambini.

La probabilità di contrarre la malattia aumenta con l'età e, quindi, ogni dieci anni le dimensioni del gruppo raddoppiano. Ciò è spiegato da un aumento dell'aspettativa di vita, migliori metodi di diagnosi precoce, una diminuzione dell'attività fisica e un aumento del numero di persone in sovrappeso.

Tipi di diabete

Molti hanno sentito parlare di una malattia come il diabete insipido. In modo che il lettore successivamente non confonda le malattie con il nome di "diabete", una spiegazione delle loro differenze sarà probabilmente utile.

Al fine di impedire al diabete mellito di assumere una forma complessa che richiede l'assunzione costante di insulina, è necessario imparare a controllare la malattia. L'ultimo farmaco contribuisce a questo Insumed, che aiuta a sbarazzarsi del diabete "a livello cellulare": il farmaco ripristina la produzione di insulina (che è compromessa nel diabete di tipo 2) e regola la sintesi di questo ormone (che è importante per il diabete di tipo 1).

Diabetus Insumed - capsule per normalizzare lo zucchero nel sangue

Tutti gli ingredienti che compongono il preparato sono realizzati sulla base di materiali vegetali utilizzando la tecnica della biosintesi e sono correlati al corpo umano. Sono ben assorbiti da cellule e tessuti, in quanto sono aminoacidi che compongono le strutture cellulari. Componenti della capsula Insumed normalizzare la produzione di insulina e regolare la glicemia.

Informazioni dettagliate su questo farmaco sono disponibili nella rivista medica Obzoroff.info. Se vuoi comprare Insumed con uno sconto quindi vai a sito ufficiale del produttore.

Diabete insipido

Il diabete insipido è una malattia endocrina derivante da neuroinfezioni, malattie infiammatorie, tumori, intossicazioni ed è causata da insufficienza e talvolta dalla completa scomparsa dell'ADH – vasopressina (ormone antidiuretico).

Questo spiega il quadro clinico della malattia:

  • Secchezza costante delle mucose della cavità orale, sete incredibile (una persona può bere fino a 50 litri di acqua in 24 ore, allungando lo stomaco a grandi dimensioni);
  • Allocazione di un'enorme quantità di urina leggera non concentrata con un basso peso specifico (1000-1003);
  • Perdita di peso catastrofica, debolezza, ridotta attività fisica, disturbi dell'apparato digerente;
  • Un cambiamento caratteristico nella pelle (pelle "pergamena");
  • Atrofia delle fibre muscolari, debolezza muscolare;
  • Lo sviluppo della sindrome di disidratazione in assenza di assunzione di liquidi per più di 4 ore.

La malattia in termini di cura completa ha una prognosi sfavorevole, le prestazioni sono significativamente ridotte.

Breve anatomia e fisiologia

Organo spaiato: il pancreas svolge una funzione secretoria mista. La sua parte esogena svolge secrezione esterna, producendo enzimi coinvolti nel processo di digestione. La parte endocrina, a cui è affidata la missione di secrezione interna, è impegnata nella produzione di vari ormoni, tra cui insulina e glucagone. Sono fondamentali per garantire la costanza dello zucchero nel corpo umano.

Insumed -   Trattamenti non convenzionali per il diabete di tipo 2

La ghiandola endocrina è rappresentata da isolotti di Langerhans, costituiti da:

  1. A-cellule, che occupano un quarto dello spazio totale degli isolotti e sono considerate il sito di produzione del glucagone;
  2. Le cellule B, che occupano fino al 60% della popolazione cellulare, sintetizzano e accumulano insulina, la cui molecola è un polipeptide a due catene che trasporta 51 aminoacidi in una determinata sequenza. La sequenza dei residui di amminoacidi per ciascun rappresentante della fauna è diversa, tuttavia, in termini di struttura strutturale dell'insulina, i suini sono più vicini all'uomo, perché il loro pancreas viene utilizzato principalmente per la produzione di insulina su scala industriale;
  3. Cellule D che producono somatostatina;
  4. Cellule che producono altri polipeptidi.

Pertanto, la conclusione suggerisce se stessa: il danno al pancreas e alle isole di Langerhans, in particolare, è il principale meccanismo che inibisce la produzione di insulina e innesca lo sviluppo del processo patologico.

Tipi e forme speciali della malattia

La carenza di insulina porta a una violazione della costanza dello zucchero (3,3 – 5,5 mmol / l) e contribuisce alla formazione di una malattia eterogenea chiamata diabete mellito (DM):

  • La completa assenza di forme di insulina (deficit assoluto) insulino-dipendente un processo patologico che è attribuito al diabete mellito di tipo I (IDDM);
  • Carenza di insulina (carenza relativa), che nella fase iniziale innesca una violazione del metabolismo dei carboidrati, lentamente ma sicuramente porta allo sviluppo di indipendente dall'insulina diabete mellito (NIDDM), che si chiama diabete mellito di tipo II.

A causa di una violazione nel corpo dell'utilizzo del glucosio e, di conseguenza, del suo aumento del siero del sangue (iperglicemia), che, in linea di principio, è una manifestazione della malattia, nel tempo, iniziano a comparire segni di diabete mellito, cioè un disordine metabolico totale a tutti i livelli. Cambiamenti significativi nell'interazione ormonale-metabolica alla fine attirano nel processo patologico tutti i sistemi funzionali del corpo umano, che indica ancora una volta la natura sistemica della malattia. La velocità con cui si verifica la formazione della malattia dipende dal grado di carenza di insulina, che alla fine determina i tipi di diabete.

Oltre al diabete di primo e secondo tipo, ci sono tipi speciali di questa malattia:

  1. Diabete secondario derivante da infiammazione acuta e cronica del pancreas (pancreatite), neoplasie maligne nel parenchima della ghiandola, cirrosi epatica. Numerosi disturbi endocrini accompagnati da un'eccessiva produzione di antagonisti dell'insulina (acromegalia, morbo di Cushing, feocromocitoma, malattia della tiroide) portano allo sviluppo del diabete secondario. Molti farmaci usati a lungo hanno un effetto diabetico: diuretici, alcuni farmaci e ormoni antiipertensivi, contraccettivi orali, ecc .;
  2. Diabete nelle donne in gravidanza (gestazionale), a causa della peculiare influenza reciproca degli ormoni della madre, del bambino e della placenta. Il pancreas del feto, che produce la propria insulina, inizia a inibire la produzione di insulina da parte della ghiandola materna, a seguito della quale questa forma speciale si forma durante la gravidanza. Tuttavia, con un controllo adeguato, il diabete gestazionale di solito scompare dopo il parto. Successivamente, in alcuni casi (fino al 40%) nelle donne con un'anamnesi di gravidanza simile, questo fatto può minacciare lo sviluppo del diabete mellito di tipo II (entro 6-8 anni).

Perché sorge una malattia "dolce"?

Una malattia "dolce" forma un gruppo piuttosto "eterogeneo" di pazienti, quindi diventa ovvio che IDDM e il suo "fratello" non insulino-dipendente si sono verificati geneticamente in modo diverso. Esistono prove di una relazione tra diabete insulino-dipendente e strutture genetiche del sistema HLA (il principale complesso di istocompatibilità), in particolare con alcuni geni dei loci della regione D. Per NIDDM, tale relazione non viene vista.

Insumed -   Standard per il trattamento di malattie interne nella pratica di un medico di famiglia

Per lo sviluppo del diabete mellito di tipo I, una predisposizione genetica non è sufficiente, fattori provocatori innescano il meccanismo patogenetico:

  • Inferiorità congenita degli isolotti di Langerhans;
  • Impatto ambientale negativo;
  • Stress, stress nervoso;
  • Lesioni cerebrali traumatiche;
  • la gravidanza;
  • Processi infettivi di origine virale (influenza, "parotite", infezione da citomegalovirus, Coxsackie);
  • La tendenza al costante eccesso di cibo, che porta ad un eccesso di grasso corporeo;
  • Uso eccessivo di dolciumi (rischio per i più golosi di più).

Prima di evidenziare le cause del diabete di tipo II, sarebbe consigliabile soffermarsi su una domanda molto controversa: chi soffre più spesso – uomini o donne?

È stato stabilito che attualmente la malattia nella Federazione Russa si forma più spesso nelle donne, sebbene nel XIX secolo il diabete fosse un "privilegio" dei maschi. A proposito, ora in alcuni paesi del sud-est asiatico, la presenza di questa malattia negli uomini è considerata predominante.

Le condizioni predisponenti per lo sviluppo del diabete mellito di tipo II includono:

  • Cambiamenti nella struttura strutturale del pancreas a seguito di processi infiammatori, nonché comparsa di cisti, tumori, emorragie;
  • Età dopo i 40 anni;
  • Sovrappeso (il fattore di rischio più importante in relazione a NIDDM!);
  • Malattie vascolari causate da processo aterosclerotico e ipertensione arteriosa;
  • Nelle donne, la gravidanza e la nascita di un bambino con un peso corporeo elevato (oltre 4 kg);
  • La presenza di parenti affetti da diabete;
  • Forte stress psico-emotivo (iperstimolazione surrenalica).

Le cause della malattia di diversi tipi di diabete in alcuni casi coincidono (stress, obesità, influenza di fattori esterni), ma l'inizio del processo per il diabete di primo e secondo tipo è diverso, inoltre, IDDM è il lotto di bambini e giovani e il non insulino preferisce la generazione più anziana.

Perché hai così sete?

I sintomi caratteristici del diabete, indipendentemente dalla forma e dal tipo, possono essere rappresentati come segue:

  1. Secchezza della mucosa orale;
  2. Sete, che difficilmente può essere soddisfatta, associata a disidratazione;
  3. Formazione eccessiva di urina ed escrezione da parte dei reni (poliuria), che porta alla disidratazione;
  4. Aumento della concentrazione sierica di glucosio (iperglicemia) a causa della soppressione dell'utilizzo dello zucchero da parte dei tessuti periferici a causa della carenza di insulina;
  5. La comparsa di zucchero nelle urine (glucosuria) e nei corpi chetonici (chetonuria), che sono normalmente presenti in quantità trascurabili, ma con il diabete sono intensamente prodotti dal fegato e, quando escreti dal corpo, si trovano nelle urine;
  6. Elevati livelli plasmatici (oltre al glucosio) di urea e ioni sodio (Na +);
  7. La perdita di peso, che nel caso di scompenso della malattia è una caratteristica della sindrome catabolica, che si sviluppa a causa della rottura del glicogeno, della lipolisi (mobilizzazione dei grassi), del catabolismo e della gluconeogenesi (trasformazione in glucosio) delle proteine;
  8. Violazione dello spettro lipidico, aumento del colesterolo totale dovuto alla frazione di lipoproteine ​​a bassa densità, NEFA (acidi grassi non identificati), trigliceridi. Il crescente contenuto di lipidi inizia a essere attivamente diretto verso il fegato e vi è un'ossidazione intensa, che porta a un'eccessiva formazione di corpi chetonici (acetone + acido β-idrossibutirrico + acido acetoacetico) e al loro successivo ingresso nel sangue (iperketonemia). Un'eccessiva concentrazione di corpi chetonici minaccia una condizione pericolosa chiamata chetoacidosi diabetica.

Pertanto, i segni generali del diabete possono essere caratteristici di qualsiasi forma di malattia, tuttavia, al fine di non confondere il lettore, tuttavia, si dovrebbero notare le caratteristiche inerenti a questo o quel tipo.

Il diabete di tipo I è un "privilegio" per i giovani

IDDM è caratterizzato da esordio acuto (settimane o mesi). I segni del diabete mellito di tipo I sono pronunciati e manifestano sintomi clinici tipici di questa malattia:

  • Un forte calo di peso;
  • Sete innaturale, una persona semplicemente non può ubriacarsi, anche se sta cercando di farlo (polidipsia);
  • Una grande quantità di urina (poliuria);
  • Un eccesso significativo della concentrazione di glucosio e corpi chetonici nel siero del sangue (chetoacidosi). Nella fase iniziale, quando il paziente potrebbe ancora non essere consapevole dei suoi problemi, è probabile che lo sviluppo del coma diabetico (chetoacidotico, iperglicemico) sia una condizione estremamente pericolosa per la vita, pertanto la terapia insulinica è prescritta il più presto possibile (si sospetta solo il diabete).
Insumed -   L'esercizio fisico è un trattamento del diabete

Nella maggior parte dei casi, dopo l'uso dell'insulina, i processi metabolici vengono compensati, il bisogno di insulina del corpo diminuisce drasticamente e si verifica un "recupero" temporaneo. Tuttavia, questo breve stato di remissione non dovrebbe rilassare né il paziente né il medico, perché dopo un certo periodo di tempo la malattia ricorderà di nuovo a se stessa. La necessità di insulina con durata crescente della malattia può aumentare, ma, soprattutto, in assenza di chetoacidosi, non supererà 0,8-1,0 PEZZI / kg.

Segni che indicano lo sviluppo di complicanze tardive del diabete (retinopatia, nefropatia) possono comparire in 5-10 anni. Le principali cause di morte di IDDM includono:

  1. Insufficienza renale terminale derivante da glomerulosclerosi diabetica;
  2. Disturbi cardiovascolari, come complicanze della malattia di base, che si verificano in qualche modo meno frequentemente rispetto ai reni.

Malattie o cambiamenti legati all'età? (diabete di tipo II)

NIDDM si sviluppa per molti mesi e persino anni. I problemi che si presentano, la persona porta a vari specialisti (dermatologo, ginecologo, neurologo …). A suo parere, il paziente non sospetta che le varie malattie: foruncolosi, prurito cutaneo, infezioni fungine, dolore agli arti inferiori siano segni di diabete mellito di tipo II. Spesso, NIDDM viene rilevato per puro caso (visita medica annuale) o a causa di violazioni che i pazienti stessi attribuiscono a cambiamenti legati all'età: "la vista è caduta", "qualcosa non va nei reni", "le gambe non ascoltano affatto" …. I pazienti si abituano alle loro condizioni e il diabete continua a svilupparsi lentamente, interessando tutti i sistemi e, prima di tutto, i vasi sanguigni, fino a quando una persona "cade" da un ictus o da un infarto.

NIDDM è caratterizzato da un decorso lento stabile, di solito senza tendenza alla chetoacidosi.

Il trattamento del diabete mellito di tipo 2 di solito inizia con l'adesione a una dieta con limitazione dei carboidrati facilmente digeribili (raffinati) e l'uso (se necessario) di farmaci ipolipemizzanti. L'insulina è prescritta se lo sviluppo della malattia ha raggiunto lo stadio di gravi complicanze o si verifica l'immunità dei farmaci orali.

La patologia cardiovascolare derivante dal diabete è riconosciuta come la principale causa di morte nei pazienti con NIDDM. Di norma, si tratta di un infarto o ictus.

Video: 3 primi segni del diabete

Trattamenti per il diabete

La base delle misure terapeutiche volte a compensare il diabete mellito sono tre principi principali:

  • Compensazione per carenza di insulina;
  • Regolazione dei disturbi del metabolismo endocrino;
  • Prevenzione del diabete mellito, delle sue complicanze e del loro trattamento tempestivo.

L'attuazione di questi principi viene effettuata sulla base di 5 posizioni principali:

  1. La dieta per il diabete è la parte del "primo violino";
  2. Il sistema di esercizio, adeguato e selezionato individualmente, segue la dieta;
  3. I farmaci che riducono lo zucchero sono usati principalmente per trattare il diabete di tipo 2;
  4. La terapia insulinica è prescritta se necessario per NIDDM, ma è la principale in caso di diabete di tipo 1;
  5. Formazione di pazienti per autocontrollo (capacità di prelevare sangue da un dito, usare un glucometro, somministrare insulina senza assistenza).

Il controllo di laboratorio sopra queste posizioni indica il grado di compensazione dopo i seguenti studi biochimici:

Diabetus Italia