Farmaci per ridurre la glicemia nei farmaci per il diabete vecchi e nuovi

Dall'articolo imparerai i medicinali per il diabete di tipo 2 di nuova generazione, i loro vantaggi e svantaggi rispetto ai farmaci di prima generazione, i medicinali per i diabetici anziani, i medicinali per il trattamento di patologie concomitanti, complicanze.

Uso di farmaci per il diabete di tipo 2

Per il trattamento del diabete mellito 2 con insulino-resistenza, i diabetologi moderni offrono quattro opzioni per le tattiche di trattamento:

  • dieta a basso contenuto di carboidrati;
  • dieta + attività fisica;
  • unendo le prime due opzioni per compresse di diabete, stimolando la sensibilità delle cellule all'insulina;
  • le forme trascurate richiedono una terapia insulinica, a volte in combinazione con compresse.

I farmaci per il diabete di tipo 2 sono prescritti ai pazienti che soffrono di questa patologia solo se è impossibile normalizzare i livelli di zucchero nel sangue da una combinazione di dieta e attività fisica dosata per tre mesi. Allo stesso tempo, il criterio per valutare il risultato è il monitoraggio regolare del livello di glicemia, poiché nella maggior parte dei pazienti la compensazione completa per il metabolismo dei carboidrati semplicemente non può essere raggiunta e la norma della glicemia al mattino non esclude la scompenso.

La scelta dell'iniezione o della terapia con compresse dipende da una serie di motivi:

  • gravità della patologia: livello di iperglicemia, gravità dei sintomi, rischio di complicanze;
  • condizioni generali del paziente: presenza di malattie concomitanti;
  • peso del paziente: grado di obesità;
  • età del paziente, sua motivazione;
  • consapevolezza del paziente dei metodi di terapia, preferenza di un metodo particolare, risultato atteso ed effetti collaterali.

L'obiettivo principale della terapia per il diabete non insulino-dipendente è l'eliminazione dei sintomi di iperglicemia e dislipidemia, la prevenzione delle complicanze, l'adattamento psicologico alla vita con patologia cronica.

Oggi, il trattamento del diabete mellito di tipo 2 non garantisce la completa eliminazione della malattia, ma la dieta e la terapia farmacologica possono mantenere un'alta qualità della vita, una longevità attiva per ogni paziente che non è indifferente alla propria salute. È necessaria la coerenza nell'uso dei farmaci, la stretta aderenza alle raccomandazioni del medico. Una transizione indipendente da uno stadio della terapia a un altro, un ritorno all'opzione precedente, porterà il corpo ad abituarsi rapidamente al metodo di trattamento scelto, perdita di motivazione interna.

Controindicazioni all'assunzione di compresse ipolipemizzanti

Il diabete mellito 2 è una malattia multifocale che colpisce quasi tutti gli organi e i tessuti interni. Quando si prescrive la terapia, questo deve essere preso in considerazione. Inoltre, le compresse per il diabete di tipo 2, come tutti i farmaci, hanno le loro controindicazioni, non sono raccomandate per:

  • complicanze acute della malattia;
  • gravi violazioni del fegato e dei reni di qualsiasi genesi;
  • gravidanza, periodo postpartum, allattamento al seno;
  • patologia del sistema sanguigno;
  • infiammazione acuta di qualsiasi eziologia;
  • disturbi vascolari del diabete;
  • interventi chirurgici;
  • forte perdita di peso;
  • infezione fumante.

È importante prestare attenzione alla combinazione di agenti ipoglicemizzanti con farmaci di altri gruppi farmacologici.

Gruppi di farmaci ipoglicemizzanti

I medicinali per il diabete di tipo 2 formano un ampio elenco, quindi di solito sono suddivisi in diversi gruppi principali. Un sintomo unificante è una diminuzione della glicemia. Al momento della loro applicazione, i tablet sono suddivisi in:

  • fondi che lavorano direttamente nel pancreas;
  • il tratto gastrointestinale;
  • tessuti periferici.

Secondo i gruppi farmacologici, la divisione avviene in:

  • derivati ​​della sulfonilurea – motivatori pancreatici;
  • biguanidi – stimolatori dell'assorbimento del glucosio bloccando la gluconeogenesi;
  • tiazolidinedione che riduce la resistenza all'insulina delle cellule;
  • inibitori dell'alfa glucosidasi che riducono l'attività degli enzimi intestinali;
  • glinidi – motivatori della sintesi di insulina;
  • incretine – contribuendo ad aumentare la produzione dell'ormone pancreatico (il nuovo gruppo di farmaci).

Al fine di impedire al diabete mellito di assumere una forma complessa che richiede l'assunzione costante di insulina, è necessario imparare a controllare la malattia. L'ultimo farmaco contribuisce a questo Insumed, che aiuta a sbarazzarsi del diabete "a livello cellulare": il farmaco ripristina la produzione di insulina (che è compromessa nel diabete di tipo 2) e regola la sintesi di questo ormone (che è importante per il diabete di tipo 1).

Diabetus Insumed - capsule per normalizzare lo zucchero nel sangue

Tutti gli ingredienti che compongono il preparato sono realizzati sulla base di materiali vegetali utilizzando la tecnica della biosintesi e sono correlati al corpo umano. Sono ben assorbiti da cellule e tessuti, in quanto sono aminoacidi che compongono le strutture cellulari. Componenti della capsula Insumed normalizzare la produzione di insulina e regolare la glicemia.

Informazioni dettagliate su questo farmaco sono disponibili nella rivista medica Obzoroff.info. Se vuoi comprare Insumed con uno sconto quindi vai a sito ufficiale del produttore.

sulfamidici

Più della metà dei pazienti con diabete di tipo 2 sono trattati con farmaci ipoglicemizzanti compresse. Per quasi mezzo secolo, la base di tali compresse è la sulfonilurea, che:

  • riduce la concentrazione di glicogeno nel sangue;
  • stimola la produzione di insulina propria;
  • rianima l'attività delle cellule beta di Langerhans.
Insumed -   Sintomi e trattamento della neuropatia diabetica

Qualsiasi sulfanilamide, una volta che entra nel corpo umano, entra in contatto con una proteina sulla membrana delle cellule beta di Langerhans, stimolando la sintesi di insulina, alcune compresse possono aumentare contemporaneamente la sensibilità delle cellule beta al glucosio. Farmaci per il diabete di tipo 2 di questo gruppo: possono aumentare la sensibilità delle cellule adipose, muscolari ed epatiche all'insulina, migliorare il trasporto del glucosio nei muscoli scheletrici. Particolarmente efficace per il diabete di tipo 2 che assume sulfamidici in combinazione con biguanidi. Una caratteristica dei sulfamidici è il rapido assorbimento, anche con l'assunzione di cibo. La durata dell'azione delle compresse non supera le 12 ore, quindi, prendendolo due volte.

Le compresse per il diabete del secondo tipo dal gruppo dei sulfamidici hanno i loro pro e contro, effetti collaterali. I vantaggi dei farmaci includono:

  • buon effetto di riduzione dello zucchero;
  • minimizzazione della trombosi;
  • protezione del tessuto renale (Gliclazide MV, ad esempio).
  • ipoglicemia mal gestita (clorpropamide, glibenclamide), specialmente nei pazienti renali o nei pazienti anziani;
  • l'emergere della resistenza ai farmaci a breve termine;
  • provocando appetito, eccesso di cibo, obesità.

Agli effetti collaterali:

  • dispepsia, manifestazioni allergiche;
  • un forte calo di zucchero in combinazione con alcol, reserpina, clonidina;
  • perdita di efficacia in presenza di diuretici, ormoni, acido nicotinico, simpaticomimetici;
  • incapacità di prescrivere per le malattie cardiovascolari (influenzare negativamente i canali di potassio).

I principali rappresentanti di questo gruppo (dai farmaci di prima generazione per il trattamento del diabete di tipo 2 ai rappresentanti dell'ultima generazione) sono:

Nome della drogaCosto in rubli
glibenclamide85
Clorpropamide – un rappresentante della prima generazione56
tolazamide63
Glyclazide Canon126
glimepiride122
Glibomet (combinazione con biguanidi)280
Manin100
Amaril – un farmaco per il diabete di tipo 2 di nuova generazione308
Movogleken1600
Minidiab2750
Glyurenorm384

biguanidi

I derivati ​​della guanidina (un prodotto del metabolismo proteico) stimolano l'utilizzo del glucosio da parte dei muscoli scheletrici, aumentandone l'attività e bloccando l'assorbimento dei carboidrati nell'intestino. Poiché le biguanidi nel trattamento del diabete mellito di tipo XNUMX stimolano la sintesi del lattato nei muscoli e negli organi della cavità addominale, esiste il rischio di acidosi lattica, specialmente negli anziani e nei pazienti con patologia renale. Tali farmaci sono controindicati nei pazienti con alti livelli di creatinina: soffrono di alcolismo, insufficienza del sistema biliare del fegato, patologia cardiopolmonare.

Il vantaggio indiscutibile dei tablet è:

  • incapacità di iniziare con forza l'ipersintesi dell'insulina (i suoi volumi aumentati), sullo sfondo della motivazione naturale per l'utilizzo completo dell'ormone già sintetizzato, che protegge il pancreas dal sovraccarico;
  • efficacia rispetto ai sulfamidici;
  • mancanza di appetito aumentato durante l'assunzione di pillole;
  • normalizzazione del profilo lipidico;
  • rigenerazione della parete vascolare.

Gli svantaggi includono:

  • disfunzione dell'apparato digerente;
  • il rischio di acidosi lattica (sebbene questa affermazione sia discutibile, poiché le biguanidi che provocano acidosi lattica sono oggi sospese).

Nella moderna pratica diabetica, per il trattamento del diabete mellito di tipo 2 nei pazienti obesi, i medici preferiscono utilizzare principalmente la metformina, poiché il farmaco riduce l'appetito, aiuta a perdere peso. Inoltre, grazie alla capacità di rigenerare le pareti dei vasi sanguigni, il farmaco controlla la pressione sanguigna e la coagulazione del sangue.

I seguenti membri del gruppo sono usati per trattare il diabete di tipo XNUMX:

Nome della drogaCosto in rubli
metformina102
Gliformin230
Glyukofazh94
Siofor 1000219
Sofamet150
Diaformin150
metformina100

Regolatori glicemici: inibitori dell'α-glucosidasi, clinidi

Questo gruppo farmacologico è rappresentato nel trattamento del diabete di tipo XNUMX da due sottogruppi di farmaci contemporaneamente: inibitori dell'α-glucosidasi, argille.

Lo sviluppo del diabete 2 contribuisce all'assorbimento intensivo nell'intestino di vari carboidrati che aumentano la concentrazione di zucchero nel sangue. Al fine di rallentare questo processo, vengono utilizzati farmaci – inibitori dell'enzima che controlla l'assorbimento dell'alfa glucosidasi. In tutte le compresse di questo gruppo, un ingrediente attivo è l'acarbosio.

I farmaci per il diabete di tipo XNUMX, come tutti gli altri farmaci, hanno pro e contro in uso. In questo gruppo, i vantaggi dei medicinali possono essere considerati:

  • un livello costante di insulina quando assunto, nessun rischio di ipoglicemia;
  • il principio attivo dei farmaci impedisce l'assorbimento dei carboidrati nell'intestino, cioè aiuta a ridurre l'appetito, a perdere peso;
  • l'acarbosio normalizza il colesterolo nel corpo;
  • durante il trattamento con farmaci non sono state rilevate complicazioni pericolose, poiché gli inibitori non si integrano nella struttura del sangue.

Gli svantaggi degli inibitori dell'alfa-glucosidasi sono:

  • sviluppo di processi di fermentazione nell'intestino: aumento della formazione di gas, dispepsia;
  • leggero effetto di riduzione dello zucchero;
  • la necessità di iniziare il trattamento con piccole dosi con un graduale aumento del risultato desiderato sotto il controllo della glicemia.

I rappresentanti del primo sottogruppo del gruppo dei regolatori glicemici sono:

Nome della drogaCosto in rubli
acarbosio300
Glyukobay429
Miglitol908
Diastabol821

Il secondo sottogruppo di farmaci per il trattamento del diabete mellito di tipo 2 mediante regolazione della glicemia è rappresentato dai glinidi. L'essenza della loro azione è il blocco dei canali del potassio sensibili all'ATP, che sono coinvolti nella sintesi dell'insulina. I mezzi inibiscono l'iperglicemia che si verifica dopo aver mangiato.

Insumed -   Diabete mellito in un bambino

I vantaggi dei farmaci sono:

  • poco tempo prima dell'inizio dell'effetto insulinotropico;
  • ripristino della prima fase della secrezione dell'ormone;
  • mantenendo la concentrazione ottimale di insulina tra ogni pasto.

Le compresse di questo gruppo farmacologico che abbassano lo zucchero nel sangue hanno pochi inconvenienti, ma sono significative:

  • aumento di peso indiretto;
  • rapida dipendenza dalla droga;
  • la necessità di combinare con biguanidi per il massimo effetto.

Nome della drogaCosto in rubli
Diaglinid206
nateglinideIl prezzo del farmaco in Russia è compreso tra 6300 e 10500 rubli per confezione
PrandinIl farmaco tedesco, che può essere ordinato online al prezzo di 2 936 rubli con consegna dalla Germania
NovoNorm131
Starliks400
repaglinide151

incretine

Le incretine sono ormoni che possono stimolare attivamente la produzione di insulina. Sono le incretine nel corpo umano che sintetizzano oltre il 70% di tutta l'insulina, ma nei pazienti con diabete mellito 2 questa capacità è nettamente ridotta. I preparati del gruppo, che comprende due varietà di assistenti sintetici, sono chiamati ad attivarlo: GLP-1 (agonisti del peptide-1 simile al glucagone), HIP (polipeptide insulinotropico glucosio-dipendente). La particolarità di questi farmaci ipoglicemizzanti di nuova generazione è solo la forma di iniezione.

Il cibo provoca un rapido rilascio di incretine nell'intestino che, rallentando i movimenti intestinali, controllano la sintesi di insulina, abbassando i livelli di zucchero nel sangue. Nel diabete di secondo tipo, le incretine sono poche e la concentrazione di glucosio è alta. ISU e GLP-1 correggono la situazione.

I benefici dei farmaci sono:

  • minimizzare l'ipoglicemia;
  • l'effetto della perdita di peso;
  • normalizzazione della pressione sanguigna;
  • proteggere le cellule pancreatiche.
  • solo iniezione;
  • rischio di pancreatite;
  • alto costo

Le controindicazioni includono:

  • grave insufficienza epatica e renale;
  • chetoacidosi;
  • gravidanza, allattamento.
  • dispepsia;
  • nausea;
  • mancanza di appetito;
  • mal di testa;
  • iperidrosi.

In Russia, tali farmaci ipolipemizzanti per il diabete di tipo 2 non sono praticamente disponibili, ma esiste un elenco speciale di farmaci di fabbricazione straniera che è approvato dal Ministero della Salute ed è approvato per l'uso in Russia. Non ci sono contraddizioni con la legislazione della Federazione Russa.

Rappresentanti di agonisti del recettore del peptide simile al glucagone (GLP-1):

Nome della drogaCosto in rubli
Exenatide (Baeta)5029
Liraglutid (Victoza)9440
Lixisenatide (Lixumia)2969
Liraglutide (Saxenda)25000

ISU – farmaci per il diabete di tipo XNUMX:

Nome della drogaCosto in rubli
Sitagliptin (Januvius)1443,4
Vildagliptin (Galvus)795
Saxagliptin (Onglisa)1895
Linagliptin (Transito)1665
Albiglutide (Tanzeum)16221

Glifloziny

Le gliclosine sono una nuova classe di farmaci ipoglicemizzanti orali di ultima generazione per il diabete di tipo 2. Inibitori del trasportatore di glucosio dipendenti dagli ioni sodio (SGLT-2). L'essenza dell'azione dei farmaci è la soppressione del riassorbimento renale del glucosio e non dipende dall'insulina. Ci sono poche informazioni sui vantaggi e gli svantaggi di questi fondi, gli effetti collaterali non sono confermati dai risultati a lungo termine. È noto sulla capacità delle gliflosine in determinate circostanze di provocare la necrosi tissutale. Nella Federazione Russa applicare dal 2013.

Nome della drogaCosto in rubli
Dzhardins2635
Invokana2377
KsigduoPrezzo nelle farmacie online da 155 euro

Combinazione di fondi

Nel trattamento del diabete mellito 2, molto spesso i medici usano combinazioni di farmaci di diversi gruppi farmacologici per ottenere il risultato ottimale. Le combinazioni più popolari sono:

  • Metformina e un rappresentante dei sulfamidici: questa combinazione migliora la riduzione dello zucchero a digiuno, dopo aver mangiato, controlla l'iperinsulinemia, il profilo lipidico, minimizza la tossicità del glucosio. Ma esiste il pericolo di sviluppare insufficienza cardiaca, quindi è necessario combinare tenendo conto degli effetti collaterali di ciascun farmaco. Esiste un medicinale che combina già entrambe le forme: questo è Glybomet.
  • La combinazione di Metformina con Glibenclamide, il rappresentante di una nuova generazione di sulfamidici, sembra essere la più promettente. Il farmaco si chiama Glucovans ed è in grado di controllare i livelli di zucchero durante i pasti.
  • Inoltre, vengono utilizzate combinazioni di Glimeperid con Metformina (Amaryl M), Metformina con Gliciclazide (Glimecomb), Sitaglibtin con Metformina (Yanumet), Vildagliptin con Metformina (Galvus Met).
  • La metformina è combinata con l'insulina: migliora il profilo glicemico, aumenta l'effetto ipoglicemico, che consente di ridurre la dose dell'ormone, per ottenere una compensazione del diabete senza aumento di peso.

Terapia insulinica

Nel trattamento del diabete non insulino-dipendente del secondo tipo, la terapia insulinica è l'anello più controverso. Da un lato, ciò può essere spiegato dalla mancanza di un unico concetto di eziologia della patogenesi della malattia, ma dall'altro, dalla mancanza di garanzie dell'efficacia di questo metodo di trattamento. In effetti, se non è chiaro il motivo per cui il DM 2 è stato provocato, dove si trova il luogo principale di fallimento: a livello di sintesi ormonale nel pancreas o alla periferia, come si può rispondere correttamente alla domanda sull'opportunità di trattare i pazienti obesi con glicemia alta con insulina.

Insumed -   Cause e trattamento del diabete

Ma ci sono situazioni in cui il problema della terapia insulinica è facilmente risolvibile. Con glicemia superiore a 15,0 mmol / L, viene sempre prescritta l'insulina. È indicata la terapia ormonale a lungo termine, se è impossibile usare farmaci in compresse a causa di controindicazioni al loro uso, resistenza ai farmaci ipolipemizzanti per il diabete di tipo XNUMX, gravi complicazioni nelle fasi avanzate della malattia (retinopatia, polineuropatia, nefropatia, cardiomiopatia, encefalopatia).

L'obiettivo della terapia insulinica è raggiungere un livello normale e stabile di zucchero nel sangue. Gli indicatori sono correlati con l'età del paziente, il rischio di complicanze e la presenza di patologie concomitanti. Deve essere chiaro che passando alle iniezioni di insulina, non è possibile tornare alle compresse.

Le indicazioni per la somministrazione temporanea di insulina possono essere operazioni, un concomitante corso di corticosteroidi, febbre alta, infiammazione acuta di un'eziologia indipendente dal diabete mellito: infezioni virali respiratorie acute, allergie, influenza e tonsillite. Lo stress grave può richiedere iniezioni a breve termine dell'ormone.

L'OMS raccomanda l'uso della terapia insulinica solo in caso di trattamento non riuscito del diabete mellito di tipo 0,16 in tutti i modi possibili utilizzando i preparati in compresse. Inizia con una combinazione di metformina e insulina ad azione prolungata durante la notte. La dose giornaliera media dell'ormone è di solito XNUMX unità per kg di peso corporeo / giorno. Tutti gli ulteriori calcoli sono una prerogativa del medico.

Farmaci per i diabetici anziani

I farmaci per ridurre la glicemia nei pazienti anziani sono efficaci a condizione che il paziente rifiuti alimenti ad alto contenuto calorico e includa l'attività fisica dosata nel regime giornaliero. applica:

  • Sulfanilamidi: Glipizide, Glyclazide, Glimepiride, Glycvidone;
  • Biguanidi: Glucophage, Siofor, Metfogamma, Bagomet, Avandamet;
  • Inibitori dell'alfa glucosidasi: Diastabol, Glucobay;
  • Gliptins: Sitagliptin, Vildagliptin, Saxagliptin;
  • Insulina nella dose appropriata.

Se il livello di zucchero nel sangue in un paziente anziano è critico, l'insulina viene prescritta immediatamente.

Quali pillole per il diabete sono migliori: prima o ultima generazione

I medici di livello internazionale non raccomandano l'uso di farmaci fondamentalmente nuovi per il trattamento, poiché il criterio principale per l'affidabilità e la sicurezza di un farmaco è la sua prova del tempo. Sono necessari almeno 10 anni di osservazione clinica per valutare tutti i poli e gli svantaggi della medicina proposta.

Oggi, solo la metformina e glibenclamide sono considerate le migliori pillole per il diabete di tipo II. Questi farmaci soddisfano tre principi: efficienza, sicurezza, costo. "Vecchio" significa che, se è possibile raggiungere il livello ottimale di zucchero nel sangue, garantire la prevenzione delle complicanze a livello di macro e microvasi, tutti i loro effetti collaterali sono ben studiati, prevedibili.

"Nuovi" farmaci possono dare reazioni inaspettate, che sono abbastanza problematiche da correggere. Ad esempio, dopo 8 anni di impeccabili studi clinici, il gruppo tiazolidinedione è stato introdotto nella pratica clinica e nel secondo anno del suo uso diffuso è stato identificato un grave inconveniente – l'osteoporosi come complicazione, quindi – è stato notato il rischio di sviluppare un infarto, il cancro alla vescica.

Considerando la possibilità di tali situazioni, è meglio iniziare il trattamento con agenti comprovati con una reputazione affidabile. I "nuovi" farmaci non hanno avuto il tempo di dimostrare la loro sicurezza con un uso prolungato e l'efficacia di ridurre la glicemia in essi non è migliore rispetto ai "vecchi". Pertanto, nonostante tutta la sua apparentemente evidente efficacia, i nuovi farmaci che riducono lo zucchero per il diabete di tipo 2 possono e devono essere utilizzati solo dopo aver ottenuto una base di prove affidabile che confermi la sicurezza dei farmaci.

Farmaci classici come la metformina – rimangono lo standard internazionale d'oro nel trattamento del diabete 2. Argomenti a loro favore:

  • sicurezza ed efficacia collaudate nel tempo;
  • risultati affidabili a lungo termine;
  • effetto benefico sulla durata e sulla qualità della vita;
  • costo accessibile con alta qualità.

Farmaci per la correzione delle complicanze del diabete e delle malattie correlate

Il trattamento del diabete di secondo tipo viene effettuato in molti modi, per escludere effetti collaterali utilizzando un ampio arsenale di strumenti:

  • antiipertensivi – per la stabilizzazione della pressione arteriosa (Norvask, Concor, Renitek, Lozartan, Mikardis);
  • cardiotonica (Strofantin, Digoxin, Lantoside, Medilazide, Celanide) e vasotonica (Detralex, Troxevasin, Venarus, Antistax, Troxerutin) – per rafforzare il miocardio e la parete vascolare;
  • enzimi (Mezim, Festal, Microzim) e probiotici (Bifiform, Acipol, Enterol) – per normalizzare il sistema digestivo;
  • antidolorifici (Nurofen, Panadol, Solpadein);
  • anticonvulsivanti (fenitoina, carbamazepina, clonazepam) – per neutralizzare la polineuropatia;
  • anticoagulanti o agenti antipiastrinici – per la prevenzione della trombosi (Cardiomagnyl, Aspirin, Warfarin, Clopidogrel, Heparin);
  • fibrati (Lopid, Atromi, Atromidin, Bezamidin, Miskleron) e statine (Simvastatina, Lovastatina, Pravastatina, Rosuvastatina, Fluvastatina) – per ripristinare i processi metabolici;
  • neuroprotettori – per ripristinare le fibre nervose, la circolazione cerebrale (Fezam, Cerebrolysin, Quercetin, Glycine, Flacumin);
  • acido tioctico – un antiossidante per normalizzare il metabolismo (Berlition, Thiogamma, Tiolept, Okolipen).

Endocrinologi-diabetologi esperti utilizzano integratori alimentari e nefroprotettori nel trattamento del diabete mellito di tipo XNUMX per preservare la funzione renale.

Diabetus Italia