Sintomi, diagnosi e trattamento del diabete mellito

Al fine di impedire al diabete mellito di assumere una forma complessa che richiede l'assunzione costante di insulina, è necessario imparare a controllare la malattia. L'ultimo farmaco contribuisce a questo Insumed, che aiuta a sbarazzarsi del diabete "a livello cellulare": il farmaco ripristina la produzione di insulina (che è compromessa nel diabete di tipo 2) e regola la sintesi di questo ormone (che è importante per il diabete di tipo 1).

Diabetus Insumed - capsule per normalizzare lo zucchero nel sangue

Tutti gli ingredienti che compongono il preparato sono realizzati sulla base di materiali vegetali utilizzando la tecnica della biosintesi e sono correlati al corpo umano. Sono ben assorbiti da cellule e tessuti, in quanto sono aminoacidi che compongono le strutture cellulari. Componenti della capsula Insumed normalizzare la produzione di insulina e regolare la glicemia.

Informazioni dettagliate su questo farmaco sono disponibili nella rivista medica Obzoroff.info. Se vuoi comprare Insumed con uno sconto quindi vai a sito ufficiale del produttore.

Il diabete insipido è una malattia cronica del sistema ipotalamo-ipofisario che si sviluppa a causa di una carenza nel corpo dell'ormone vasopressina o ormone antidiuretico (ADH), la cui principale manifestazione è il rilascio di grandi volumi di urina a bassa densità. La prevalenza di questa patologia è di circa 3 casi per 100000 persone, sia uomini che donne di età compresa tra 20 e 40 anni ne soffrono allo stesso modo. Si verifica nei bambini.

Nonostante il fatto che la malattia sia poco conosciuta in circoli ampi, è molto importante conoscere i sintomi della malattia, perché se la si diagnostica in tempo, il trattamento è molto più semplice: la vasopressina provoca uno spasmo di piccoli vasi, aumenta la pressione sanguigna, riduce la pressione osmotica e la diuresi.

La vasopressina, o ormone antidiuretico (ADH), è sintetizzata da cellule ipotalamiche, da dove viene trasferita attraverso il tratto sopra-ottico-ipofisario nella ghiandola pituitaria posteriore (neuroipofisi) e viene secreta dal flusso sanguigno. La sua secrezione aumenta in caso di aumento della concentrazione osmotica del plasma sanguigno e se, per qualche ragione, il volume del liquido extracellulare diventa meno del necessario. L'inattivazione dell'ormone antidiuretico si verifica nei reni, nel fegato e nelle ghiandole mammarie.

L'ormone antidiuretico colpisce molti organi e processi che si svolgono in essi:

  1. reni (aumenta l'assorbimento inverso dell'acqua dal lume dei tubuli renali distali nel sangue; di conseguenza, la concentrazione di urina aumenta, il suo volume diminuisce, aumenta il volume del sangue circolante, diminuisce l'osmolarità del sangue e si nota l'iponatriemia);
  2. sistema cardiovascolare (aumenta il volume del sangue circolante; in grandi quantità – aumenta il tono vascolare, aumentando la resistenza periferica e questo porta ad un aumento della pressione sanguigna; a causa dello spasmo di piccoli vasi, aumento dell'aggregazione piastrinica (crescente tendenza ad incollarli) ha effetto emostatico);
  3. sistema nervoso centrale (stimola la secrezione dell'ormone adrenocorticotropo (ACTH), partecipa ai meccanismi della memoria e alla regolazione del comportamento aggressivo).

Classificazione del diabete insipido

È consuetudine distinguere 2 forme cliniche di questa malattia:

  1. Diabete insipido neurogeno (centrale). Si sviluppa a causa di cambiamenti patologici nel sistema nervoso, in particolare nell'ipotalamo o nella ghiandola pituitaria posteriore. Di norma, la causa della malattia in questo caso sono le operazioni per rimuovere completamente o parzialmente la ghiandola pituitaria, la patologia infiltrativa di quest'area (emocromatosi, sarcoidosi), traumi o cambiamenti nella natura infiammatoria. In alcuni casi, il diabete insipido neurogeno è idiopatico, essendo determinato contemporaneamente in diversi membri della stessa famiglia.
  2. Diabete insipido nefrogenico (periferico). Questa forma della malattia è una conseguenza di una diminuzione o completa mancanza di sensibilità dei tubuli renali distali agli effetti biologici della vasopressina. Di norma, questo si osserva nel caso di patologia renale cronica (con pielonefrite o sullo sfondo della malattia renale policistica), una diminuzione prolungata del contenuto di potassio nel sangue e un aumento del livello di calcio, con un'assunzione insufficiente di proteine ​​dal cibo – carenza di proteine, sindrome di Sjogren e alcuni difetti congeniti. In alcuni casi, la malattia è di natura familiare.
Insumed -   Efficace trattamento del diabete insulinico

Cause e meccanismi del diabete insipido

I fattori che predispongono allo sviluppo di questa patologia sono:

  • malattie di natura infettiva, in particolare virale;
  • tumori cerebrali (meningioma, craniofaringioma);
  • metastasi nell'area dell'ipotalamo del carcinoma della localizzazione extra-cerebrale (solitamente broncogeno – originato dai tessuti dei bronchi e carcinoma mammario);
  • lesioni al cranio;
  • concussione;
  • predisposizione genetica.

In caso di sintesi insufficiente di vasopressina, il riassorbimento di acqua nei tubuli renali distali viene interrotto, il che porta alla rimozione di grandi volumi di liquido dal corpo, un aumento significativo della pressione osmotica del plasma sanguigno, irritazione del centro della sete situato nell'ipotalamo e sviluppo della polidipsia.

Manifestazioni cliniche del diabete insipido

La malattia fa il suo debutto all'improvviso, con la comparsa di sete intensa (polidipsia) e frequente minzione eccessiva (poliuria): il volume di urina prodotta al giorno può raggiungere i 20 litri. Questi due sintomi preoccupano i pazienti sia di giorno che di notte, costringendoli a svegliarsi, andare in bagno e quindi bere ancora e ancora. L'urina assegnata al paziente è leggera, trasparente, con un basso peso specifico.

A causa della costante mancanza di sonno e di una diminuzione del contenuto di liquidi nel corpo del paziente, sono fonte di preoccupazione generale debolezza, affaticamento rapido, squilibrio emotivo, irritabilità, pelle secca e riduzione della sudorazione.

Nella fase dei sintomi clinici estesi, si notano:

  • mancanza di appetito;
  • perdita di peso del paziente;
  • segni di distensione e prolasso dello stomaco (pesantezza nell'epigastrio, nausea, dolore allo stomaco);
  • segni di discinesia biliare (dolore sordo o crampo nell'ipocondrio destro, nausea, vomito, bruciore di stomaco, eruttazione, sapore amaro in bocca e così via);
  • segni> irritazione intestinale (gonfiore, dolori crampanti vaganti in tutto l'addome, feci instabili).

Con l'assunzione di liquidi limitata, le condizioni del paziente peggiorano significativamente – è preoccupato per mal di testa intenso, secchezza delle fauci, rapido, aumento della frequenza cardiaca. La pressione sanguigna diminuisce, il sangue si addensa, il che contribuisce allo sviluppo di complicanze, aumenti della temperatura corporea, si notano disturbi mentali, cioè disidratazione del corpo, si sviluppa la sindrome di disidratazione.

I sintomi del diabete insipido negli uomini sono una diminuzione del desiderio sessuale e della potenza.

Insumed -   Approcci moderni al trattamento del diabete di tipo 2 negli uomini

Sintomi del diabete insipido nelle donne: irregolarità mestruali fino all'amenorrea, infertilità correlata e se si verifica una gravidanza, vi è un aumentato rischio di aborto spontaneo.

I sintomi del diabete nei bambini sono pronunciati. Nei neonati e nei bambini piccoli, la condizione per questa malattia è generalmente grave. Si nota un aumento della temperatura corporea, si verifica vomito inspiegabile, si sviluppano disturbi del sistema nervoso. Nei bambini più grandi, fino all'adolescenza, un sintomo del diabete insipido è l'umidificazione o l'enuresi.

Vari altri possibili sintomi associati alla malattia di base che ha causato la carenza di vasopressina nel corpo, come:

  • forte mal di testa (con tumori cerebrali);
  • dolore al petto o nell'area delle ghiandole mammarie (con tumore dei bronchi e delle ghiandole mammarie, rispettivamente);
  • danno visivo (se il tumore preme sull'area responsabile della funzione visiva);
  • un aumento della temperatura corporea (con malattie infiammatorie del cervello) e così via;
  • sintomi di insufficienza ipofisaria – panipopituitarismo (con danno organico alla regione ipofisaria).

Diagnosi del diabete insipido

Il criterio diagnostico è l'abbondante diuresi giornaliera – da 5 a 20 litri o anche di più, con una bassa densità relativa di urina – 1.000-1.005.

Nell'analisi generale del sangue, si notano segni del suo ispessimento (aumento della conta dei globuli rossi – eritrocitosi, ematocrito elevato (rapporto tra il volume delle cellule del sangue e il volume del plasma)). L'osmolarità del plasma sanguigno è aumentata (oltre 285 mmol / l).

Quando si determina il livello dell'ormone antidiuretico nel plasma sanguigno, si nota la sua diminuzione – meno di 0.6 ng / l.

Se, dopo gli studi, la diagnosi di diabete insipido causa ancora dubbi nello specialista, al paziente può essere assegnato un test con astinenza dall'assunzione di liquidi. Dovrebbe essere eseguito esclusivamente sotto la supervisione di un medico, poiché, come menzionato sopra, le condizioni del paziente, pur limitando l'assunzione di liquidi, peggiorano significativamente – il medico deve monitorare questa condizione e fornire assistenza medica al paziente in tempo. I criteri di valutazione per questo campione sono:

  • volume di urina escreto;
  • la sua densità relativa;
  • peso corporeo del paziente;
  • il suo stato generale di salute;
  • pressione sanguigna
  • frequenza cardiaca

Se, durante questo test, la quantità di urina escreta diminuisce, il suo peso specifico aumenta, la pressione sanguigna, il polso e il peso corporeo del paziente rimangono stabili, il paziente si sente soddisfacente senza notare la comparsa di nuovi sintomi spiacevoli per lui, la diagnosi di diabete insipido viene respinta.

Diagnosi differenziale per diabete insipido

Le principali condizioni patologiche da cui si dovrebbe distinguere il diabete insipido neurogeno sono:

  • polidipsia psicogena;
  • insufficienza renale cronica;
  • diabete mellito;
  • diabete insipido nefrogenico.

I sintomi comuni per diabete insipido e polidipsia psicogena sono aumento della sete e frequente minzione eccessiva. Tuttavia, la polidipsia psicogena non si sviluppa improvvisamente, ma gradualmente, mentre le condizioni del paziente (sì, questa malattia è inerente alle donne) non cambiano in modo significativo. Con la polidipsia psicogena, non ci sono segni di ispessimento del sangue, i sintomi di disidratazione non si sviluppano nel caso di un test con limitazione dei fluidi: il volume delle urine escrete diminuisce e la sua densità aumenta.

Insumed -   Un farmaco efficace per il trattamento dell'obesità

L'insufficienza renale cronica può anche essere accompagnata da sete e diuresi abbondante. Tuttavia, questa condizione è anche accompagnata dalla presenza di sindrome urinaria (presenza nelle urine di proteine, globuli bianchi e globuli rossi, non accompagnata da alcun sintomo esterno) e da un'elevata pressione diastolica (nelle persone – "inferiore"). Inoltre, con l'insufficienza renale, viene determinato un aumento dei livelli ematici di urea e creatinina, che con diabete insipido rientrano nei limiti normali.

Nel diabete mellito, a differenza del diabete mellito, nel sangue viene determinato un livello elevato di glucosio, inoltre viene aumentata la densità relativa dell'urina e si nota la glucosuria (escrezione di glucosio nelle urine).

Le manifestazioni cliniche del diabete insipido nefrogenico sono simili alla sua forma centrale: sete grave, frequente minzione eccessiva, segni di coagulazione del sangue e disidratazione, basso peso specifico delle urine – tutto ciò è inerente a entrambe le forme della malattia. La differenza nella forma periferica è un livello normale o addirittura elevato di ormone antidiuretico (vasopressina) nel sangue. Inoltre, in questo caso non vi è alcun effetto dei diuretici, poiché la causa della forma periferica è l'insensibilità dei recettori delle cellule tubulari renali all'ADH.

Trattamento del diabete insipido

Il trattamento del diabete insipido sintomatico inizia con l'eliminazione della causa che lo ha causato, ad esempio, con il trattamento di un processo infettivo o una lesione cerebrale, la rimozione del tumore.

Il diabete insipido idiopatico e le sue altre forme sono trattati con terapia sostitutiva con vasopressina fino all'eliminazione della causa. Vasopressina sintetica – la desmopressina oggi è disponibile in varie forme di dosaggio – sotto forma di soluzione (goccia nel naso), compresse, spray. Il più conveniente da usare, oltre che efficace e sicuro, è la forma di compresse del farmaco, chiamato Minirin. Come risultato dell'assunzione del farmaco, il volume delle urine diminuisce e il peso specifico aumenta, l'osmolarità del plasma sanguigno diminuisce ai livelli normali. La frequenza della minzione e il volume di urina escreta si normalizzano, scompare una costante sensazione di sete.

La probabilità di un sovradosaggio di vasopressina durante l'assunzione della sua forma di compresse è minima, perché il suo dosaggio è accurato, a differenza delle gocce nasali, che possono essere accidentalmente gocciolate più del necessario, il che può causare una diminuzione del livello di sodio nel sangue – iponatriemia. Inoltre, la compressa non provoca alterazioni atrofiche della mucosa nasale, che non sono rare quando si usano forme nasali del farmaco.

Oltre alle preparazioni di vasopressina, al paziente vengono mostrate infusioni in grandi volumi di soluzioni di acqua salata al fine di correggere l'equilibrio idroelettrolitico. Anche i preparati al litio (carbonato di litio) hanno un effetto positivo.

Prognosi per diabete insipido

Il diabete insipido idiopatico, fornito di un'adeguata terapia sostitutiva, non costituisce un pericolo per la vita del paziente, ma è anche impossibile il recupero con questa forma.

Il diabete insipido, che si è manifestato sullo sfondo di qualsiasi altra malattia, in alcuni casi passa spontaneamente dopo aver eliminato la causa che l'ha causato.

Diabetus Italia